“Città di Majano” stregato per il Fvg trionfano le Marche: bronzo di Dajana Jablanovic

omoreggieStregato ancora alle squadre del Fvg (l’ultima vittoria risale al 2005), il 24° trofeo giovanile ragazzi-cadetti “Città di Majano” è stato rivinto delle Marche. Già protagonista nel 2009, il team marchigiano ha chiuso le 28 gare, terminate sotto un violento temporale, davanti alle rappresentative di Venezia e Trento. Dietro a Pordenone e Belgrado, la formazione udinese/A ha occupato il 9° posto su un lotto di 23 compagini schierate di cui 9 europee (Belgrado, Budapest, Zagabria, Kirklees, Oradea, Brno, Sabac, Bovec e Bielsko Biala). Le Marche hanno coronato il 2° successo con 4 vittorie individuali e una serie di piazzamenti, pareggiando il conto con le vittorie di Budapest e Treviso. Due quelle degli atleti udinesi del tecnico Francesco Comuzzo. Le hanno firmate il cadetto della Gemonatletica Davide Rossi nel salto in lungo con 6,41 metri e la staffetta 4x100 cadette (Marta Giordani, Costanza Donato, Aurora Berton e Rita Argelys Ponte), quartetto sprint che, nonostante la pista fosse inzuppata d’acqua, è stato capace di stracciare le avversarie nel brillante crono di 50’’92. Tra i risultati tecnici spiccano il salto di 2,01 metri nell’alto cadetti (primato del meeting) di Francesco Ruzza (Venezia), il crono di 8’’87 sugli 80 piani cadette (nuovo record) di Elisabetta Vandi (Marche), 69,40 metri nel vortex del cadetto Jarno Zuccoli (Brescia) e l’1’43’’65 sui 600 ragazze di Angelica Ghergo (Marche). Per Udine da segnalere anche 3 argenti conquistati da Costanza Donato (Atletica Codroipo 2000, 80 ostacoli), Aurora Berton (Libertas Friùl Palmanova, 80 piani) e Igor Bobaz (Moggese, disco) e il bronzo di Dajana Jablanovic (Libertas Mereto di Tomba) nel peso ragazzi. Il 3° primato della rassegna è stato conseguito nel peso dal cadetto ungherese Lazslo Kovacs con 17,36 metri. Gli organizzatori della Libertas Majano hanno assegnato l’8° memorial Antonio Comelli, offerto dalla Fondazione Crup di Udine, alla saltatrice Eleonora Omoregie (Malignani-Libertas Udine) e alla giovane campionessa italiana di mtb, Sara Casasola. Presenza record di 635 atleti. Classifica:1) Marche (489,5 punti), 2) Venezia (482,5), 3) Trento (461,5), 4) Padova (455,5), 5) Brescia (439,5), 6) Treviso (432,5), 7) Pordenone (422,5), 8) Belgrado (420), 9) Udine/A (411), 10) Trieste A (399,5).

This entry was posted in FIDAL. Bookmark the permalink.